Come riconoscere il disturbo narcisistico di personalita’: criteri e caratteristiche diagnostiche

e739b71f84d5b2363e9e891dc9af2d6f

 

Roma 24 ottobre 2016

 

A cura del dott. Marco Salerno psicologo psicoterapeuta a Roma

 

Il tema del narcisismo e’  uno degli argomenti piu’ sentiti e diffusi in questo periodo storico, probabilmente a causa di una maggiore consapevolezza del disagio psichico e della possibilita’ di confrontarsi con persone che vivono esperienze simili alla propria e a un piu’ facile accesso a letture sul tema. Inoltre finalmente si e’ in grado di dare un nome ad un fenomeno sempre esistito ma non semplice da identificare. Spesso si parla di narcisismo anche impropriamente, in una ottica colpevolizzante, dimenticando che chi e’ ha il disturbo narcisistico di personalita’ e’ una persona che presenta anche un alto grado di sofferenza emotiva. Con questa affermazione non voglio dare adito a giustificazioni di sorta per chi adotta un comportamento spesso distruttivo e manipolativo nei confronti di chi incappa sul loro cammino ma solo fornire alcuni stimoli di riflessione per responsabilizzarsi nella scelta delle persone con cui intrecciare relazioni e adottare una serie di accorgimenti protettivi. Per facilitare il riconoscimento del disturbo narcisistico e’ utile conoscere i criteri diagnostici che consentono di identificarlo, facendo riferimento al DSM 5, manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali.

Il criterio distintivo di chi presenta il disturbo narcisistico di personalita’ e’ uno schema pervasivo di grandiosita’ sia nella fantasia sia nel comportamento, la necessita’ di ammirazione e la mancanza di empatia che inizia nella prima eta’ adulta ed e’ presente in svariati contesti come indicato da almeno cinque dei seguenti criteri (cit. DSM-5):

 

  1. Ha un senso grandiso di importanza (si aspetta di essere considerato migliore di altri senza una ragione, attende un trattamento speciale, ecc.)
  2. E’ assorbito da fantasie di successo, potere, fascino, bellezza illimitati o di amore ideale.
  3. Crede di essere speciale e unico/a e di poter essere capito/a solo da, o di dover frequentare altre persone o situazioni speciali o di classe elevata.
  4. Richiede eccessiva ammirazione.
  5. Ha un senso di diritto (l’irragionevole aspettativa di speciali trattamenti di favore o di soddisfazione immediata delle proprie aspettative)
  6. Sfrutta i rapporti interpersonali approfittando delle persone per i propri scopi.
  7. Manca di empati ed e’ incapace di riconoscere o di identificarsi con i sentimenti e le necessita’ degli altri.
  8. E’ spesso invidioso/a degli altri o crede che gli altri lo invidino.
  9. Mostra comportamenti o atteggiamenti arroganti e presuntuosi.
 Gli individui con questo disturbo sentono di avere un grandioso senso di importanza e sovrastimano le loro reali capacita’, esagerano i loro talenti e possono apparire vanitosi e bisognosi di apprezzamenti. Immaginano che chi li circonda apprezzi le loro azioni e i loro successi e quando questo non avviene, sono sorpresi o feriti e attuano la strategia della svalutazione e dello screditamento verso chi non ha dato loro le conferme che si aspettano. Si caratterizzano per fantasie di successo, potere, fascino, bellezza e amore ideale e si possono paragonare con persone famose o in vista. Hanno una radicata aspettativa di sentirsi superiori agli altri, unici e speciali e immaginano di sentirsi compresi o essere accompagnati da persone altrettanto speciali e uniche, poiche’ solo da loro si sentono capite. Il loro livello di autostima cresce in funzione del  valore idealizzato che attribuiscono alle persone che frequentano. Quando vengono delusi dalle persone che ritengono degne della loro presenza le screditano e le svalutano aspramente. Gli individui con il disturbo narcisistico di personalita’ presentano un’autostima molto fragile, tendono a preoccuparsi se si stanno comportando correttamente o se gli altri li giudicano positivamente, per cui hanno bisogno di una continua conferma, di attenzione ed ammirazione. Sono affamati di complimenti e si meravigliano se chi sta loro vicino non li invidia e non ambisce a quello che loro hanno, il loro comportamento puo’ apparire affascinante e seduttivo, funzionale alla ricerca di conferme e complimenti.  Hanno la radicata aspettativa che a loro spetta un trattamento di favore rispetto a tutti gli altri, come se fosse un diritto inalienabile e quando questo non viene   soddisfatto si arrabbiano e diventano furiosi. L’aspettativa che venga loro riservato un diritto diverso dalla comunita’, unito alla mancanza di sensibilita’ per i desideri e i bisogni altrui, puo’ sfociare nello sfruttamento volontario o involontario degli altri.  Si aspettano che qualunque cosa di cui hanno bisogno venga dato loro ma non sono capaci di considerare il significato che questo puo’ avere per gli altri,  abusano della disponibilita’ altrui e stringono amicizie o relazioni sentimentali in base a quello che una persona puo’ dare loro. La profonda mancanza  di empatia non consente a chi e’ affetto da disturbo narcisistico di personalita’ di riconoscere i desideri e sentimenti degli altri e i suoi bisogni, mettendo i propri al centro della realta’. Il loro modo di parlare puo’ essere prolisso, tendono a raccontarsi con un eccesso di dettagli inappropriati, non riconoscendo che anche le persone hanno delle necessita’. Quando, raramente, riconoscono i bisogni delle persone, li screditano e li svalutano, etichettandoli come segni di debolezza o vulnerabilita’, in un clima di totale assenza di interesse per chi sta loro vicino. Invidiano di frequente i successi altrui perche’ sentono di essere piu’ meritevoli dei risultati che altre persone hanno ottenuto, assumono un atteggiamento arrogante e presuntuoso verso chi e’ piu’ capace o migliore di loro. (cit. DSM 5p.777).

 

Il senso di grandiosita’ e la fragile autostima sono i due elementi distintivi del disturbo narcisistico di personalita’. Questa tipologia di persone, pur non mostrandolo apertamente,  e’ molto sensibile alle critiche e alla frustrazione, ogni qual volta non si sentono appoggiati, avvertono un profondo senso di umiliazione ed avvilimento a cui reagiscono con rabbia o sdegno. Alcuni narcisisti invece tendono a ritirarsi dalle relazioni sociali quando non sono al centro dell’attenzione o adottano un comportamento di apparente umilta’ che invece maschera la loro rabbia e grandiosita’.  I rapporti interpersonali sono di conseguenza fortemente compromessi da atteggiamenti di pretesa, di bisogno di ammirazione e da un profondo disinteresse nei confronti delle persone. L’arroganza e la pretesa che contraddistingue chi e’ affetto da disturbo narcisistico di personalita’ influisce sulle sue prestazioni professionali, le quali possono essere o significativamente basse, a causa del timore di mettersi in gioco di fronte ad un eventuale fallimento, o possono essere presenti risultati elevati, grazie ad una forte ambizione, ma di scarsa durata a causa dell’intolleranza alla critica e alla sconfitta (cit. DSM.5).   Il 50%-75% degli individui diagnosticati con disturbo narcisistico di personalita’ sono maschi e possono presentare difficolta’ ad adattarsi quando insorgono limitazioni fisiche e lavorative in relazione al naturale processo di invecchiamento.
Bibliografia:

 

A.P.A., Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali DSM-5, Raffaello Cortina Editore 2014
2 Responses to Come riconoscere il disturbo narcisistico di personalita’: criteri e caratteristiche diagnostiche
  1. Chiara Rispondi

    Interessantissimo

  2. Claudia Rispondi

    Una sintesi davvero notevole. Grazie

Lascia un commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.