+393474661496 Via della Frezza 44, 00186 - Roma dottmarcosalerno@gmail.com

Le fasi della relazione con un narcisista perverso

Roma 27 giugno 2022

 

Narra Ovidio che di Narciso, bellissimo figlio di Cefiso e della ninfa Liriope,
s’innamoravano tutte le fanciulle, ma lui ne disdegnava le attenzioni.
Quando un giorno, mentre era a caccia di cervi, incontra una ninfa dei boschi,
Eco che, muta, solo poteva ripetere le ultime parole altrui, fatalmente lei pure
cade vittima del fascino dello splendido giovane. Ma Narciso la rifiuta: più lui
fugge più lei lo insegue, fino a consumarsi e dissolversi nel vento, tanto che di
Eco resta solo la voce.
Però non tarda ad arrivare la punizione degli dèi: Nemesi, dea della vendetta, lo
condanna ad invaghirsi di se stesso, al punto che Narciso a sua volta si perderà
nell’amore per la propria immagine riflessa in uno specchio d’acqua,
nell’impossibilità di trovare appagamento alla propria pulsione.
E nell’acqua, di lui, rimarrà solo il fiore omonimo.
Il mito raccontato nelle Metamorfosi ovidiane è già di per sé un ottimo viatico
per introdurre e spiegare per immagini molto efficaci cosa può accadere quando
si cade vittime di un soggetto affetto da narcisismo patologico, un disturbo che
può presentarsi sotto forme e declinazioni molteplici, ma che presenta alcune
macro caratteristiche costanti.

Così come lo sono anche quelle di chi entra in relazione con i narcisisti.
Costoro, come i vampiri delle leggende e dei romanzi gotici, si nutrono
dell’altro: seducono la vittima accuratamente eletta, infiltrandosi
attraverso le “crepe” aperte delle fragilita’ altrui, s’impiantano
pervasivamente nell’organismo assoggettato, come nei casi di simbiosi naturale,
per poi nutrirsi della sua vitalità fino a ridurla a puro involucro, di cui non
esiteranno a disfarsi per passare ad un’altra conquista.
E lo sdegno del Narciso mitologico nei confronti dell’adorante e implorante
fanciulla di turno è il medesimo del narcisista patologico di fronte all’abbandono
pressoché totale di ogni possibile brandello di autostima che la sua vittima
dimostra, dopo essersi macerata per lungo tempo nell’andirivieni sentimentale
di una relazione tossica.
Il narcisista, abbiamo detto, non sceglie a caso la partner da sedurre: la vittima
deve essere “nutriente”, deve offrire cibo per la mente e l’ego smisurato del
carnefice, ma al contempo deve mostrare degli indizi di fragilità, delle faglie,
nelle quali farsi largo, operare attrattivamente.
Non per caso il termine “seduzione” viene dal latino “condurre a sé”.

Le armi del narcisista sono ben affilate:nella prima fase intuisce diabolicamente
come far sentire l’altro o l’altra al centro dell’attenzione, ne vellica in ogni modo
la vanità, utilizzando un vasto arsenale dialettico e fisico di parole e gesti
ammalianti.
In genere nell’intimità fisica tende a portare il o la partner a dei limiti cui
quest’ultima non aveva mai osato spingersi. Il coinvolgimento e
l’appagamento sensuale e sessuale sono fra gli strumenti più efficaci che il
narcisista utilizza per portare a termine la prima parte della sua azione di
conquista e distruzione.

La seconda fase, che inizia non appena la vittima risulta del tutto irretita,
consiste nell’isolamento cui quest’ultima viene lentamente condotta:
isolamento dal proprio mondo, dai propri affetti, riferimenti, da tutto ciò che
potrebbe inficiare il paziente lavoro di logorio delle difese, necessario al
narcisista per installarsi, come un sovrano assoluto sul trono, nel cuore e nella
mente di chi ha deciso di divorare.
Tutti coloro che, osservando dall’esterno la relazione malata e squilibrata fra
narcisista e partner, potrebbero mettere questi in guardia o alzare il velo di
menzogna diligentemente tessuto dal primo, sono considerati rischi o comunque
ostacoli da eliminare.
Viceversa, quelli che, nella cerchia di relazioni della vittima, non si dimostrano
insensibili, al pari di questa, al fascino del narcisista, vengono entusiasticamente
arruolati per contribuire all’opera perversa messa in atto.

Una volta completata anche questa fase, inizia la terza fase, quella più dolorosa per chi è
caduto nella trappola: l’annientamento.
Il narcisista, attraverso comportamenti altalenanti, che potremmo
grossolanamente rappresentare con l’immagine della carota e del bastone,
frustra ogni slancio del partner che non desidera altro che compiacerlo,
credendo ingenuamente di rappresentare il centro delle sue attenzioni, quando
viceversa è evidente a tutti (tranne che ovviamente alla vittima) che si tratta di
un soggetto egoriferito, che appunto non ha altra immagine da idolatrare che la
propria, per quanto distorta e invertita nell’oscuro specchio della sua mente
malata.
La vittima del narcisista, dopo essere stata fatta inizialmente oggetto di lodi
sperticate, attenzioni al limite del soffocante, quasi d’improvviso viene
demolita, senza che vi sia un apparente motivo valido.
Può anche accadere che il narcisista torni sui suoi passi e che, quasi come se
niente fosse, alla mazzata psicologica distruttiva, alterni qualche nuova
blandizie: lo scopo è minare le certezze della propria vittima, farla sentire come
se in ogni momento potesse affondare nelle sabbie mobili, avendo come unico
appiglio di salvezza proprio colui o colei che l’hanno spinta nel pantano.

Ma dunque chi è la vittima predestinata del narcisista?
Si è detto non certo un persona priva di alcuno spessore, anzi, spesso è il
contrario: si tratta di personalità dotate di talenti, sensibilità, capacità.
Eppure, allo stesso tempo, in genere è qualcuno che durante l’infanzia ha
patito un deficit affettivo e di riconoscimento, soprattuto da parte della
figura materna.
E quel bisogno, fatalmente, quella fame di cure da parte dell’altro, sarà nella vita
adulta il coltello che aprirà le ferite su cui il narcisista, al principio della
relazione apparentemente giunto a proposito per risanarle e suturarle, si getterà
invece a suggerne ogni succo energetico, solo per nutrire il proprio ego, fragile sì
anch’esso, figlio di altre storture relazionali e familiari, ma ben più cinico e
dispoticamente impietoso.
Perciò la vittima del narcisista ha di fronte a sé un bivio: o lasciarsi
svigorire fino alla consunzione, per essere poi abbandonata come un
giocattolo di un infante capriccioso e viziato, o avvertire come insopportabile il
dolore insinuato dal proprio carnefice e trovare il coraggio di
abbandonarlo.
Ove scegliesse questa opzione salvifica, dovrebbe fronteggiare la conseguente
reazione del narcisista, che non potrebbe mai sopportare di essere messo da
parte e combatterebbe strenuamente per cercare di infangare in ogni modo chi
non gli si è immolato fino in fondo.
Picasso, narcisista da manuale, minotauro dagli appetiti inesausti, lasciò fra i
meandri del suo labirinto uno stuolo sanguinante di mogli e amanti, alcune delle
quali uscirono pazze o si tolsero la vita. Una sola, Françoise Gilot, osò lasciarlo,
dopo dieci anni di vita insieme, portandosi via anche i due figli che gli aveva
dato. L’artista le disse: “Nessuna lascia un uomo come me”.
Lei anni dopo scrisse una biografia, in cui raccontò tutto della loro vita, non
tralasciando le ombre di una personalità sì geniale, ma affetta anche da
un’insaziabile fame di dominio. Lui intentò una causa per bloccare la
pubblicazione del libro. Vinse lei. Allora lui la chiamò al telefono, per
complimentarsi, dicendole che amava i vincenti.
In apparenza, un riconoscimento all’avversario, ma forse, in realtà, fino
all’ultimo, la zampata seduttiva del narcisista, anche quando qualcuno l’ha
smascherato e messo di fronte al proprio specchio incrinato.

 

 

Come gestire la fine di una relazione con un narcisista

 

 

Roma 20 gennaio 2022

A  cura del dott. Marco Salerno

La relazione con un narcisista e’molto impegnativa poiché ha grosse difficoltà ad amare  poiché ha difficoltà ad amare se stesso. Non riescono a vedere il proprio partner come una persona autonoma con i propri bisogni ma lo considerano come una persona funzionale alle proprie esigenze e al loro bisogno di attenzione. Quando questo non avviene svalutano il partner o i figli poiché sono completamente incapaci ad identificarsi nell’altro e a considerare i suoi bisogni.  Molte persone sono attratte da un partner narcisista nonostante il dolore che poi infliggeranno loro poiché spesso si presentano come individui affascinanti e disponibili che illusoriamente influenzano la loro autostima. Di solito la preda di un narcisista e’ una persona empatica, sensibile, propensa al sacrificio per gli altri, empatica e poco incline a prendersi cura di sé. A volte sono persone bisognose di una guida, insicure ed incapaci di stare da sole ( e non sole), dipendenti affettive.  Il narcisista invece dopo una fase iniziale di forte ed apparente coinvolgimento iniziano a provare una forte paura dell’abbandono, si sentono vulnerabili pur non mostrandolo, controllano la relazione e reagiscono con il silenzio prolungato dopo un litigio. Le loro relazioni possono essere teatrali ed istrioniche o altre volte silenziose al solo scopo di catturare l’attenzione del partner. I narcisisti si innamorano rapidamente (love bombing) ma perdono tale desiderio in breve tempo attuando prima una critica continua della vittima (svalutazione) per poi  eliminarla dalla loro vita senza tener conto delle conseguenze ( scarto).

Le vittime di un narcisista possono essere individui dalla personalità differente per cui non e’ semplice riconoscere di trovarsi di fronte ad un narcisista. Il segnale più rilevante che aiuta a riconoscere che ci si trova di fronte ad un narcisista e’ il rifiuto assoluto a lasciare che il partner contribuisca a determinare la relazione. L’unico che deve definire e orientare la relazione e’ solo lui, il narcisista. Un altro elemento che aiuta a riconoscere di essere in presenza di un narcisista e’ la sottile e continua manipolazione che attua al fine di isolare la vittima dai propri contatti sociali. Comprendere il ruolo che si ha in una relazione con un narcisista e’ fondamentale per iniziare il processo di decontaminazione e di liberazione. Questo aiuta ad attribuire un ruolo ai due componenti della coppia, a riconoscere le dinamiche comportamentali e i tratti caratteriali che contraddistinguono vittima e carnefice. Riconoscere che il partner narcisista deve alimentare continuamente un senso grandioso e fragile di se’ che cela un profondo senso di inadeguatezza e l’assenza di amore per se stesso. Il passaggio dal sentirsi vittima passiva a persona consapevole di stare in relazione con una persona che sfrutta gli altri si basa sulla necessità di costruire dei limiti fermi ed invalicabili. Solo lo stabilire dei confini chiari, consente di far sapere all’altro il proprio valore. Prendersi del tempo per ritrovare i propri valori, e obiettivi e’ indispensabile per iniziare a fare a meno dell’altro nel processo di rafforzamento della propria autostima. Sei tu l’artefice della tua vita e non puoi mettere nelle mani dell’altro il compito di stabilire il tuo valore. Questo processo aiuta a creare il coraggio che aiuta ad interrompere ogni rapporto con un partner narcisista. Il no contact non ha come obiettivo di colpire il narcisista ma di proteggere chi ha avuto una relazione con lui e di avviare il processo di ricostruzione di sé.

Chiudere  la relazione con un narcisista e’ un processo doloroso e molto faticoso, una vera e propria battaglia con i mulini a vento poiché il narcisista evita ogni confronto ed ogni contatto con le emozioni, e’ sempre pronto a criticare l’altro e a non mettersi mai in discussione.  Quando si decide di lasciare un narcisista si innesca un meccanismo che all’inizio puo’  sembrare difficile da arginare, poiché il narcisista non ama perdere ed essere lasciato ma vuole lasciare. Promette che cambierà  o che  il partner non ce la fa a vivere senza di lui o che non troverà nessuno come lui. Quando finalmente il partner riesce a chiudere ogni contatto con il narcisista e’ bene non farsi convincere dagli ulteriori tentativi che mette in atto per tentare di riconquistare la vittima (manipolazione). Un ultimo problema e’ costituito dai ricordi piacevoli che possono riemergere, generando nostalgia, rimpianto e confusione emotiva. Il ricordo di quando la relazione nella fase iniziale sembrava essere piena d’amore, potrebbero ingenerare confusione ma e’ bene tenere a mente che quei complimenti non erano sinceri ma solo una strategia per adescare il partner. Per non farsi intrappolare dai momenti di nostalgia e’ importante ricordare tutte le offese, le menzogne, i sensi di colpa e le aggressioni subite, le quali non esistono in una relazione sana e reciproca.

 

Bibliografia:

Beck O., Manipolazione affettiva 2.0,

La positivita’ tossica

 

Roma 8 ottobre 2021

A cura del dott.Marco Salerno

 

 

“Andrà tutto bene” e’ la frase più diffusa da quando e’ iniziata la pandemia, la troviamo su cartelli, lenzuola, la ascoltiamo dalle persone che incontriamo pur di sentirci rassicurati e per calmare l’ansia di fronte ad un futuro incerto. Sembra impensabile ma anche una semplice frase come questa può avere una ricaduta negativa sulle persone poiché diventa un obbligo a provare per forza emozioni positive evitando tutto quello che genera una condizione emotiva di difficile tolleranza. Quando siamo costretti ad avere a tutti i costi un pensiero positivo, indipendentemente da quello che proviamo, si parla di positività tossica. Con il termine positività tossica ci si riferisce ad un atteggiamento eccessivamente positivo, che nega ogni emozione non classificabile come positiva. È la convinzione che se ignoriamo le emozioni difficili e  le parti della nostra vita che non funzionano, saremo molto più felici. La positività tossica e’ pericolosa perché e’ uno stato di negazione della realtà e ci costringe a reprimere le nostre autentiche emozioni.

Viviamo immersi in un clima dove l’essere felici e pieni di speranza ad ogni costo e’ un obbligo, basta navigare su social network come facebook ed istagram per rendersi conto del proliferare di personaggi che invitano a vedere tutte le esperienze in chiave positiva, a darsi obiettivi, a superare i propri limiti fino ad affermare che e’ possibile scegliere se vivere emozioni positive o crogiolarsi in quelle definite negative. Insomma non e’ concesso essere tristi, e’ sinonimo di inadeguatezza ed e’ una scelta come se le emozioni fossero prodotti da scegliere sullo scaffale di un supermercato.

In realtà tutte le emozioni hanno un valore e una finalità adattiva, per cui dipende dall’”uso” che ne facciamo, se ci crogioliamo in esso o se, dopo averlo provato, diventa uno strumento per capire meglio noi stessi e per metterci in gioco. Le emozioni ignorate o travestite da un abito di positività diventano disfunzionali, generando una positività tossica che ci confonde  e mina la nostra serenità’. Ogni emozione come la rabbia, il dolore, l’invidia va vissuta ed espressa, bisogna attraversarla perché e’ l’unico modo per non evitarla ed ingigantirla. Scomodando Freud e il suo inconscio, tutto quello che evitiamo e rimuoviamo, rientra nella nostra vita sotto forma di sintomi, per cui non possiamo mai fuggire da noi stessi. Inoltre la positività tossica o toxic positivity, tema approfondito da Stephanie Preston, professoressa di psicologia presso l’università’ del Michingan, e’ una condizione che richiede di essere per forza positivi, alimenta il senso di colpa nell’esprimere le preoccupazioni e le paure, diventando uno stato invalidante poiché  sopprimere il  dolore con dichiarazioni oltre modo felici non è d’aiuto ma  disadattivo.

Al tema di essere positivi a tutti i costi se ne aggiunge un altro molto in voga in questo periodo storico che e’ quello di mostrare di non avere mai o poco tempo libero ed essere sempre indaffarati. Facebook ed istagram sono vetrine in cui le persone pubblicano foto mentre lavorano sorridenti insieme ai colleghi ad orario degni della schiavitù, non a caso e’ stato chiamato in causa Confucio e la sua massima “Scegli il lavoro che ami e non lavorerai mai, neanche per un giorno in tutta la tua vita “.

Lo psicologo Jaime Zuckerman sostiene  che la pressione a essere sempre  produttivi sia una forma di positività tossica come anche il misurarsi con attività nuove o con improbabili sfide fine a se stesse. Zuckerman sostiene che si deve evitare di riempire continuamente la vita di attività nuove, nella vana speranza che ci facciano sentire meglio. Anche in questo caso la fantasia che fare qualcosa di nuovo e sfidante risolva i problemi e ci aiuti ad acquisire fiducia in noi e’ dannosa poiché ci fa scontrare spesso con l’impossibilita’ di raggiungere obiettivi irrealistici.  Zuckerman sostiene che l’evitare il disagio, sostituirlo con fantasie di rinascita o vibrazioni positive e’ dannoso per la salute mentale poiché il dolore va affrontato e non aggirato o rimosso. Piuttosto che essere positivi a tutti i costi e stemperare le emozioni negative, fornendo ricette preconfezionate per raggiungere la felicità,  e’ più indicato ascoltare ed accogliere senza giudizi tutte le emozioni. Se si vuole aiutare sul serio una persona e’ meglio dirle che siamo con lui piuttosto che affermare che andrà tutto bene quando non e’ vero, perché la vicinanza, l’ascolto e l’affetto autentico e’ un dono impagabile che nessuna ricetta può sostituire. E’molto più utile insegnare alle persone ad identificare le emozioni che provano, affrontandole ed elaborandole, piuttosto che sostituirle con la una forzata positività poiché ogni emozione ha valore e deve essere riconosciuta ed espressa.

Guarire dalla relazione con un narcisista

 

Roma 4 ottobre 2021

A cura del dott.Marco Salerno

 

 

Chi vive una relazione con un narcisista e’ esposto per un periodo più o meno lungo ad una alternanza di traumi continui e di speranze di cambiamento sistematicamente deluse. Essere esposti al contatto con un narcisista comporta sviluppare una tensione interna continua dovuta al fatto di essere continuamente in allerta per paura di ricevere un nuovo attacco che può essere costituito da una critica, da una svalutazione, da vessazioni emotive o fisiche, fino a sviluppare una condizione emotiva ed affettiva definita trauma complesso. Tale condizione e’ costituita dai seguenti cinque sintomi:

 

  • flashback emotivi: sono emozioni che compaiono improvvisamente, collegate ad un evento traumatico passato di cui al momento non si ricorda il contenuto. Si avvertono emozioni forti e travolgenti del tutto inaspettate e non collegate alla situazione che si vive in quel momento, per cui sono emozioni difficili da inquadrare. Per esempio, si può vivere uno stato di ansia improvviso, un attacco di panico pur non avendo alcuna condizione esterna che ne spieghi l’origine o anche reagire con rabbia ingiustificata alla situazione che si vive al momento. Quando si riesce a risalire alla questione che origina tale ondata emotiva o flashback emotivo, i sintomi tendono ad attenuarsi o a scomparire del tuttoL’origine dei flash back emotivi risiede nel meccanismo di separazione tra l’emozione provata durante un abuso narcisistico e il vissuto dell’abuso durante il quale si allontana l’emozione dolorosa vissuta dall’evento violento che si vive. Questo comporta che le emozioni passate non siano state elaborate ma devono essere ancora riconosciute e superate. Il modo più indicato per limitare i flashback emotivi e’  cercare di accettare e ricollegare le emozioni emerse all’evento durante le quali si sono verificate per poi elaborarne il vissuto.
  • vergogna patologica: questo sintomo consiste nel provare forte imbarazzo non tanto per qualcosa che si è fatto, come nel caso della vergogna sana, ma per come si è, come se ci fosse qualcosa che non va nella propria persona e nel modo di essere e non di agire. Le conseguenze della vergogna patologica sono un cronico senso di inutilità, bassa autostima, odio verso sé stessi e la convinzione di essere una persona cattiva e colpevole. Questo sintomo si manifesta con il rimuginare spesso su ricordi traumatici del passato che hanno determinato vergogna, una forte diffidenza verso gli altri aspettandosi sempre che facciano qualcosa di male e la sensazione di bassa autostima e di non meritare nulla dovendosi accontentare sempre. La vergogna patologica ha un significativo impatto sull’immagine e il valore di sé, influenza l’insieme di credenze e di convinzioni che si hanno sulla propria persona e che orientano le azioni della propria vita.

 

  • auto-abbandono: consiste nel non perseguire una passione o un desiderio poiché quando la si esprime è accolta da una critica svalutante e distruttiva. Pur di non esporsi a queste situazioni, la persona che sta con il narcisista preferisce abbandonare ogni tentativo di realizzare i propri obiettivi. La conseguenza e’ che si tende a dire di si quando invece si vorrebbe dire di no e non si esprime quello che si pensa e si prova realmente. A questo si accompagna una forte dose di adattamento solo per accontentare l’altro e mettere da parte se stessi fino al punto di consentire di essere maltrattati e criticati per ogni decisione che si vuole prendere. La conseguenza ultima è che si sviluppa una condizione di paura permanente delle reazioni del partner narcisista ogni qual volta si vuole esprimere il proprio punto di vista o fare una scelta fino ad arrivare a credere che la “colpa” di queste reazioni sia la propria. Per affrontare questa condizione è indispensabile iniziare a porsi delle domande come, per esempio, cosa si ha paura di perdere se si persegue un desiderio o un bisogno e perché lo si mette sempre al secondo posto. La risposta a questa domanda la si può trovare solo prendendo contatto con sé stessi e chiedendosi come ci si sente. Questo comporta spostare l’attenzione dal partner narcisista dalle sue reazioni a sé stessi e al domandarsi quali sono i propri pensieri ed emozioni.  All’inizio non è semplice avviare questo processo ma è indispensabile e deve essere affrontato come un vero esercizio giornaliero che ha come obiettivo quello di prestare attenzione a tutto ciò che e’ importante per sé e che viene sempre accantonato in favore del partner.

 

  • critica interiore: chi ha una relazione di lungo corso con un partner narcisista o ha avuto un genitore narcisista, ha sviluppato una forte voce critica interiore che coincide con una feroce autocritica per ogni azione compiuta o emozione provata. Questa voce critica interiore non riguarda una situazione specifica ma e’ generalizzata a tutta la propria esistenza. Esistono diversi tipi di voci critiche interiori tra cui quella del perfezionista secondo cui si deve essere sempre perfetti e non sbagliare mai altrimenti non si sarà mai voluti bene o apprezzati. La conseguenza di questa voce potrebbe essere che per paura di non fare perfettamente qualcosa, si rinuncia a farla. Un’altra voce critica e’ quella del formatore che vuole modellare la persona in base alle aspettative dell’altro, rinunciando ai propri desideri. L’accusatore e’  una delle voci critiche ricorrenti che ha lo scopo di svalutare la persona e non solo i suoi desideri facendola sentire colpevole di tutto ciò che la circonda. Lo schiavista invece e’ quella voce critica che impone di non fermarsi mai, di fare sempre qualcosa poiché il riposo non e’ consentito se si vuole essere accettati. Il supervisore invece e’ quella voce interiore che monitora ed osserva ogni azione ed intenzione e ha lo scopo di prevenire le critiche del narcisista e controlla ogni aspetto della vita della vittima.Per affrontare queste voci critiche e’ indispensabile riconoscerle e domandarsi quale funzione hanno nella propria vita. Accettarle e’ il primo passo per smettere di agire compulsivamente, chiedersi quali sono le paure nel non seguirle più ma, soprattutto, creare un dialogo interiore che aiuti a chiedersi come e cosa si vorrebbe rispondere alla voce critica, come se fosse una persona in carne ed ossa di fronte a sé
  • ansia sociale: si manifesta quando ci si relaziona con altre persone sia in incontri individuali sia di gruppo, con persone conosciute o sconosciute. La paura di chi soffre di ansia sociale è riconducibile al fatto di non comprendere perché’ altre persone dovrebbero essere interessate a lui. Si crede che ogni pensiero o idea che si ha sia inutile e insignificante, arrivando a sentirsi a volte non degni della situazione o delle persone vicine. Inoltre è presente anche l’idea che gli altri siano sempre pronti al giudizio verso la propria persona e che abbiano ragione. L’ansia sociale si manifesta con sintomi ben precisi tra cui una forte tensione che pervade tutto il corpo, la voce trema, sensazioni di calore, respiro corto, nebbia mentale, sudorazione, incapacità di pensare e di trovare le parole.

Il trauma complesso che deriva dal rapporto con un narcisista può essere affrontato attraverso la comprensione e l’accettazione della situazione, la consapevolezza di poter scegliere e di non essere la causa del fallimento della relazione o delle reazioni del partner. Ma soprattutto e’ fondamentale comprendere che il partner narcisista e’  una persona malata, incapace di controllare le proprie azioni e di valutarne le conseguenze a causa di una mancanza di empatia. Questo passo è molto importante poiché’ aiuta a ridimensionare notevolmente le aspettative di guarigione del partner e a collocarlo in una categoria diagnostica.  Successivamente  bisogna riappropriarsi dei propri pensieri ed emozioni, uscire dal ruolo della vittima consapevoli del fatto che un partner narcisista ha trovato terreno emotivamente fertile nell’altro per stabilire una relazione. Questo aiuta ad uscire dalla dinamica della ricerca del colpevole e a iniziare a comprendere quali tratti e aspetti della propria persona hanno contribuito ad alimentare la relazione con un narcisista. Solo attraverso questo processo di consapevolezza e di assunzione di responsabilità si evita in futuro di ricadere in una relazione tossica e si impara a scegliere chi si vuole avere accanto a sé.

Gli effetti di genitori narcisisti sulla vita dei figli adulti

Roma 23 settembre 2021

A cura del dott. Marco Salerno

 

Un figlio/a che nasce e cresce con uno o con entrambi i genitori narcisisti sperimenta costantemente una profonda paura dell’abbandono emotivo poiché un genitore narcisista e’  solamente in grado (non sempre) di garantire la sopravvivenza di un figlio ma non di provvedere ai suoi bisogni emotivi ed affettivi. Non essendo in grado di educare un figlio/a a prendersi cura di sé, quando questo sarà adulto presenterà significative difficoltà nel rilevare i propri bisogni e cercherà in ogni modo di soddisfare i bisogni altrui mettendo da parte i propri, Questo quadro si delinea in modo più dettagliato se si osservano le lacune affettive che i figli di genitori narcisisti presentano a causa dell’abuso subito e perpetrato su loro dalla nascita alla vita adulta.

Uno dei deficit maggiormente presenti nei figli di genitori narcisisti e’ la tendenza ad ignorare i propri bisogni e desideri che affonda le radici nel rapporto con una madre o un padre narcisista i quali hanno sempre bisogno di attenzioni e manipolano gli altri in funzione dell’appagamento delle loro necessità. La ricaduta di questo comportamento e’ che i figli crescono con il bisogno di compiacere il genitore narcisista per ricevere in cambio accadimento ed attenzione. Tale dinamica relazionale si traduce nella mente del figlio con l’adagio secondo cui “vengo amato se faccio di tutto per soddisfare quello che mi chiedi”, per cui i figli non imparano mai a percepirsi come individui degni di attenzione ma diventano il riflesso di ciò che la madre si aspetta da loro.  La madre li premia solo se raggiungono determinati risultati e solo dopo averli conseguiti sono meritevoli di affetto, per cui diventano adulti sempre sintonizzati sui bisogni altrui e mancanti di consapevolezza dei propri.

 

Un genitore narcisista manifesta affetto ai figli quando richiede qualcosa in cambio da loro, li mette costantemente alla prova per soddisfare le sue aspettative le quali, quando non sono appagate li fa non degni di amore. Da adulti questi figli si sentono costantemente inadeguati, incapaci, colpevoli e con bassa autostima. La conseguenza e’ che non sviluppano le “competenze emotive” per amare se stessi e per accettarsi come sono, per cui non sono a loro agio nella propria pelle poiché nessun obiettivo raggiunto per quanto grande sia, placa il senso di inadeguatezza ed insoddisfazione.

 

I figli di un genitore narcisista sviluppano la tendenza ad essere sempre al servizio di chi sta loro vicino (amici, partner, colleghi, capi) per risolvere i loro problemi, soddisfare i suoi bisogni e occuparsi di renderlo felice. Sono dei veri assistenti personali, coinvolti in situazioni che non competono loro sin dall’infanzia, si assumono responsabilità e diventano bambini adultizzati, più simili ad un partner che ad un figlio/a. Sono adulti con notevoli doti di problem solving, ipersensibilizzati ad intercettare i bisogni altrui ma completamente incapaci a considerare le proprie necessità. Il figlio di un genitore narcisista inoltre e’ sottoposto al “trattamento della negatività” poiché riceve continuamente messaggi negativi per qualunque scelta faccia. Questo determina a volte una condizione definita “effetto specchio” secondo cui i messaggi negativi che i figli interiorizzano vengono a loro volta proiettati sulla realtà e sulle persone loro vicine.

L’effetto più drammatico di una relazione con un genitore narcisista e’ che il bambino nega completamente la propria identità, i bisogni e desideri al fine di mostrarsi come la madre si aspetta da loro. Quando sono adulti mostrano rilevanti difficoltà a riconoscersi, a comprendere cosa vogliono veramente da se stessi e dagli altri, oltre ad avere una notevole resistenza a sintonizzarsi sui propri stati emotivi.

Per quanto possano raggiungere obiettivi alti durante la loro vita, i figli di un genitore narcisista porta  sempre con sé il messaggio che non sono abbastanza bravi o all’altezza delle situazioni. La conseguenza e’ che queste persone si aspettano sempre   il peggio  dalla loro vita. Alcuni di loro tendono a non “osare” ad esplorare nuove esperienze, non esprimono mai le proprie emozioni, chiedono il permesso di esistere, alimentando un circolo di ansia ed insicurezza che condiziona la loro esistenza.